Sfruttare la neuroscienza per aumentare il coinvolgimento dei partecipanti: Ecco come

Sfruttare la neuroscienza per aumentare il coinvolgimento dei partecipanti: Ecco come

Coinvolgimento partecipanti
Se stai apprezzando il contenuto fallo sapere anche ai tuoi amici

Negli ultimi mesi non si può negare che, la crescita degli eventi ibridi e virtuali, abbia apportato diversi cambiamenti al nostro settore. 

Pensandoci bene però, anche attraverso canali differenti da quelli tradizionali, lo scopo principale di un evento rimane sempre lo stesso: connettere persone e fare in modo che condividano esperienze, conoscenze e sviluppino relazioni profittevoli e durature. 

La neuroscienza per creare esperienze memorabili 

Cercando di capire come funziona la mente umana è possibile sviluppare delle strategie per aumentare il coinvolgimento dei partecipanti.

Un semplice modo per iniziare ad utilizzare la neuroscienza è quello di analizzare il modello SCARF creato dal Dr. David Rock nel 2008. 

Questo modello divide la percezione delle esperienze umane in 5 gruppi: 

  • Status → Percezione di essere considerati migliori o peggiori di altri
  • Certezza → Possibilità di prevedere eventi futuri e programmare senza ansia la propria vita
  • Autonomia → Livello di controllo sulle attività e possibilità di decisione
  • Relazione →  Sentirsi parte di un gruppo e condividere esperienze e obiettivi 
  • Fairness o equità → Senso di essere trattati in modo equo 

Questo modello è oggi considerato uno standard d’eccezione per comprendere come le persone si comportano in situazioni sociali. Il modello ci suggerisce che più le persone si sentono comprese, connesse e sicure e più risponderanno positivamente a stimoli esterni. 

Sfruttare il modello SCARF per organizzare eventi

Partiamo dallo status, ovvero come le persone vedono loro stesse rispetto agli altri. 

Questa percezione comprende: identità personale, professionale, valori e contesti sociali frequentati. 

  • Offrire differenti opzioni di ticketing e esperienze riservate a cerchie specifiche di audience, contribuirà a rafforzare la percezione dello status dei partecipanti facendoli sentire unici 

Per quanto riguarda la certezza, ovvero la percezione del futuro, bisogna lavorare su quelle che sono le aspettative dei partecipanti circa l’evento al quale parteciperanno.

  • Dai la possibilità ai partecipanti di poter informarsi su qualsiasi aspetto dell’evento 24/7. Notizie in piattaforma, sul sito web dell’evento e notifiche push sono un ottimo modo per mantenere la tua audience sempre informata su ciò che accadrà.
  • Rendi i tuoi speech fruibili anche una volta terminati in modo che i visitatori non abbiamo la sensazione di perdersi qualcosa di importante. 
  • Garantisci la sicurezza dei dati dei tuoi partecipanti affidandoti alla piattaforma per eventi giusta

Passiamo all’autonomia, ovvero il senso di essere responsabili delle proprie scelte. 

In quanto organizzatore di eventi puoi utilizzare questo bias per: 

  • Includere un’agenda 100% personalizzabile dal visitatore
  • Dargli la possibilità di fare networking e interagire con chi vuole

Il quarto elemento, la relazione, ovvero il senso di accettazione e partecipazione può essere esaltato: 

  • Somministrando questionari per far in modo che ogni partecipante possa dare la propria opinione, sentirsi ascoltato e non solamente un numero fra tanti

L’ultimo aspetto da curare è quello dell’equità o fairness, ovvero tutti quegli aspetti che riguardano il nostro senso di giustizia, inclusività ed eguaglianza:

  • Crea contenuti inclusivi e rendili accessibili a tutti. Hai partecipanti stranieri? Fai in modo che possano fruire di contenuti e interagire nella loro lingua o, per lo meno, con una lingua comune come l’inglese
  • Varia gli speakers e i topic durante il tuo evento, garantirai visioni del mondo diverse e punti di vista utili per iniziare riflessioni o relazioni di valore

Conclusioni

Abbiamo visto come grazie al modello SCARF, sia possibile aumentare il coinvolgimento dei partecipanti, analizzando i comportamenti umani in modo strategico per il tuo evento.

Ma studiare e utilizzare il modello SCARF non basta, per creare un evento impeccabile, devi avere a supporto una piattaforma ricca di funzionalità e personalizzabile al 100% che ti permetta di mettere in pratica tutti i consigli elencati nel corso dell’articolo. 

La piattaforma LetzFair è in grado di fornirti tutte queste funzionalità, e molte altre. 

Se desideri creare un evento di successo e aumentare il coinvolgimento dei partecipanti, richiedi una demo gratuita! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *