Come costruire una community di partecipanti al tuo evento…grazie al digitale!

Come costruire una community di partecipanti al tuo evento…grazie al digitale!

Come costruire una community di partecipanti al tuo evento grazie al digitale
Se stai apprezzando il contenuto fallo sapere anche ai tuoi amici

Gli organizzatori di eventi possono trarre vantaggio dalle soluzioni online per creare un coinvolgimento della community che duri non solo per pochi giorni ma, addirittura, per tutto l’anno.

Per gli organizzatori di eventi l’accessibilità alle piattaforme di eventi virtuali, libera, per natura, dai vincoli standard di geografia e tempo, può trasformarsi in un fruttuoso vantaggio: un’opportunità per lo sviluppo continuo della community, precisamente in 4 modi.

1 Aggiornamento della customer journey
La customer journey deve essere ripensata: non si tratta più di organizzare un’esperienza una tantum, radicata all’interno dell’evento stesso, quanto di costruire una relazione continuativa con il partecipante.

Secondo quanto dichiarato da Aja Bradley-Kemp, fondatrice di Love My Curls, “bisogna pensare agli obiettivi dei partecipanti e progettare l’evento come “uno di una serie di trampolini di lancio” che portano i partecipanti progressivamente più vicini alla loro destinazione.” La Bradley-Kemp inoltre ha aggiunto: “Se si possono progettare eventi che affrontano strategicamente vari punti del percorso dei partecipanti, si può creare un ecosistema che consenta loro di tornare più e più volte“.

2 Ideazione di una strategia per prima, durante e dopo l’evento
Dal punto di vista pratico, lo sviluppo di una community si realizza mediante una strategia strutturata in tre fasi:

  • Fase “pre-evento”, si forniscono contenuti utili su una piattaforma in cui i partecipanti sono registrati. Questi interagiscono non solo tra loro ma anche con l’organizzatore, esplicitando cos’hanno trovato di interessante o cosa si aspettano dall’evento: in questa prima fase la community prende vita.
  • Fase “durante l’evento”, sulla piattaforma la community composta dai partecipanti registrati usufruisce di una serie servizi, funzionalità, soluzioni che integrano e arricchiscono l’evento fisico.
  • Fase “post evento”: in questo stadio bisogna tenere strette le informazioni salienti, ottenute dalla community grazie alle fasi precedenti, per mettere in piedi delle attività di follow-up. Queste ultime aiuteranno gli organizzatori a portare avanti il business anche a seguito della conclusione dell’evento fisico.

3 Pensare ad un modello di sottoscrizione
La creazione di un modello di sottoscrizione ad un evento contribuisce a ridurre i costi di marketing mantenendo un gruppo principale di clienti abituali: determinate funzionalità, come la gamification e le chat della community, possono continuare oltre l’evento fisico iniziale, con gli eventi successivi trattati come moduli all’interno di una piattaforma virtuale.

4 Riflettere come uno sceneggiatore
Nick Borelli, Presidente di Borelli Strategies, ha spiegato che la chiave per un contenuto evergreen di successo sta nello spostare l’attenzione dal fascino sensoriale delle esperienze di persona al fascino emotivo dello storytelling. Il suo consiglio è di prendere spunto dai formati consolidati e di successo come i profili degli atleti per le Olimpiadi e gli spot pubblicitari basati su storie, i quali sono in grado di creare una connessione emotiva attraverso un’esperienza remota.

2 risposte

  1. […] I contenuti on-demand, inoltre, potranno essere la chiave per monetizzare le community, consentendo modelli di abbonamento e diversi livelli di accesso. Ad esempio, alcuni eventi potranno essere esperienze solo per gli abbonati, mentre altri potranno essere eventi una tantum aperti a chiunque. Questo contenuto si alimenterà da solo e manterrà le persone all’interno della community, invece di inviarle a piattaforme come YouTube dove potrebbero fare clic su un video correlato della concorrenza. (Per approfondire leggi anche: “Come costruire una community di partecipanti al tuo evento…grazie al digitale!“). […]

  2. […] Se vuoi scoprire altre strategie ti consigliamo di leggere questo articolo: Come costruire una community di partecipanti al tuo evento […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *